- NOVITA' FISCALI PER IL 2016, PARTE SECONDA.

 Come già trattato nel precedente intervento, la legge di Stabilità per il 2016 ha introdotto una serie di novità fiscali di stretto interesse notarile.

Dopo aver analizzato quella riguardante il recupero del 50% dell'Iva versata al costruttore, oggi analizziamo altre due modifiche apportate dal legislatore.

La prima riguarda la così detta agevolazione prima casa. Un soggetto privato che acquista un immobile ad uso abitazione, rientrante nelle categorie catastali da A/2 ad A/7 (ex non di lusso), può usufruire di una aliquota di registro ridotta dal 9% al 2% o se la vendita è ad Iva di una riduzione di quest'ultima dal 10% al 4%.

Affinché si possa usufruire di tale agevolazione, però, l'acquirente non deve essere titolare, neppure per quote, anche in regime di comunione legale con il coniuge, in tutto il territorio nazionale, di diritti su un immobile già acquistati con l'agevolazione prima casa. Qualora si fosse proprietari di un immobile acquistato con tale agevolazione, per poterne beneficiare nuovamente occorrerà procedere alla alienazione del primo appartamento.

Prima della modifica intervenuta con la legge di stabilità 2016, tale alienazione doveva precedere il nuovo acquisto.

Oggi il legislatore, invece, ha concesso la possibilità, al fine di usufruire ancora della prima casa, di procedere all'alienazione del vecchio immobile anche dopo l'atto di acquisto del nuovo. L'alienazione del primo, però, dovrà avvenire entro un anno dal nuovo acquisto. Qualora, poi, non si riesca a vendere entro l'anno, il contribuente decadrà dall'agevolazione, e dovrà, quindi, corrispondere la differenza tra quanto pagato e quanto dovuto dalle aliquote ordinarie, oltre agli interessi di mora e ad una sovrattassa.

La seconda novità introdotta dalla legge di stabilità che tratteremo oggi riguarda le cessioni dei terreni agricoli. Il legislatore, infatti, ha previsto un aumento dell'imposta di registro dal 12% al 15% su tali tipi di beni, mantenendo però inalterate le due imposte ipotecaria e catastale di 50 euro l'una.

[torna all'elenco notizie]